martedì 13 dicembre 2016

Il Cenacolo michettiano

Amici carissimi vi aspetto con i Teatranti d'Abruzzo, il Kiwanis Chieti Theate,il baritono Marco Sperandii, la pianista Milena Belousova e il Fairy Consort.
Chi non avesse ancora il biglietto potrà trovarlo all'ingresso del Marrucino, ci saranno i soci del Kiwanis a distribuirli.
Grazie di cuore!

lunedì 4 novembre 2013

Liquore alle erbe.

Liquore speziato alle erbe:
1 l. di alcol
1 l. di acqua
2 dl. di vermouth
una manciata di mentuccia, salvia, rosmarino, alloro, maggiorana, chiodi di garofano, pizzico di zenzero e di noce moscata.

Mettere a macerare il tutto nell'alcol per 1 giorni poi filtrare e unire allo sciroppo di acqua e zucchero e al vermouth. Lasciare riposare per una settimana.


domenica 3 novembre 2013

Liquore al peperoncino.

Liquore al peperoncino (lazzarette).

1 litro d'acqua
500 gr. di zucchero
peperoncino in polvere
peperoncini freschi
1 litro di alcool.

Preparare uno sciroppo con acqua e zucchero e aggiungere una manciata di peperoncino tritato, pizzico di zenzero, alcuni chiodi di garofano e un pizzico di cannella, aggiungere l'alcool e lasciare riposare per una settimana. Filtrare e aggiungere qualche peperoncino intero fresco. Dopo una settimana filtrare per la seconda volta.


Vittorina Castellano

Che congiunture!


 



 
Che congiunture!
Che situazijone amàre,
n’n se po’ campà, la vite è care,
pare li timpi di lu dopoguerre
e c’artruveme nghe lu cule ‘n terre!
Ninte cchiù sprechi, si da’ sparagnà,
 s’accatte poca rrobbe pi’ magnà,
ti sinti vasciate da la furtune
se t’attocche nu’m bò di maccarune!
Pi’ vidè pesce e carne na lu piatte
è cosa rara, forse nu miragge,
tutt’al più, nu pezze di furmagge
e, a la sere, la zuppe nghe lu latte!
Ti pozze cunzijà nu cibe sane
che custe poche e cumparisce
e a lu portafoje dà na mane
senze che la panze s’intristisce!
Quande l’oje sfrije e sgrizze su li matunelle
allore sfraje l’ove na lu tijanelle!
Tu mi pu’ dice, cazzaròle,
saje a trecente lu colesteròle!
Però mo magne e statte zitte,
sinnò  s’arfredde l’ove fritte!
 Vittorina Castellano
 

La Bella Addormentata.


La Bbelle Addormentate!

Quante cale la sera, sópre a lu pónte,

 

li si viste maje lu tramònte?

Lu céle è ttutte ‘nfucàte

tutt’attorne a la Bbelle Addormentate!

Tu l’armire ‘ncantate,

a vocca aperte, armini ‘mbambolàte!

Pare fatte da nu scultore

che lu prufile perfette,

pare che je sbatte lu córe

 

sotte a che la muntagne di pette!

È proprie bbelle che la signòre

 

che domine la nostra vallàte,

n’n se move maje, sta sémpre sdrajate,

vaçate da lu sóle, accarezzàte da lu vénte,

 

dorme tranquille, pare tante cuntente!

Quante cale la sére è tutte na poesie,

da lu pónte di Pescare

 

vide pure lu mónte Amare

 

e se te ggiri, n’n te diche na buçije,

vide lu biancazzurre di lu mare!

Olè! Sembre forza Pescare!
 
Vittorina Castellano

Brigantesse d'Abruzzo.


Brigantesse d’Abruzzo.

Brandelli di cielo lacerati da culmini innevati,

Il vento ghermisce le foglie ingiallite e stanche,

ombre silenti ora vagano fra gli anfratti celati,

in agguato, forti, temerarie, impavide, nemiche!

Un cupo silenzio ammanta di mistero la notte,

creature uniche, senza tempo, paladine d’onore,

 madri, mogli, amanti, donne, da necessità indotte,

altere, scendono in campo contro l’oppressore!
 
Vittorina Castellano.

Abbruzze mé!


Abbruzze mè!

 Quande sinti la voce di lu mare

e da luntane brille li lambàre,

quande vide li muntagne nche la neve

e a lu funtanile li pècure che beve,

quande lu vente fa cantà li bosche

che , nche li prati ‘n fiòre pare n’affrèsche,

allore ve’ ‘n mente lu cafòne siloniane

che zàppe nche amore sta térre binedètte

e lu zampugnàre nche lu pastore dannunziane

che calene da li muntagne a braccette!

L’Abbruzze è la reggion’a mè, è la cchiù bbèlle,

ci truve l’ arte, lu magnà bbòne, la nature e li picurelle!

Me sente abbruzzèse fine all’osse,

l’amore è ffòrte e m’accumpagne a la fòsse!
 
Vittorina Castellano